Lo scopo di sostituire le etichette cartacee con quelle elettroniche fu prima di tutto quello di ottimizzare la gestione dei prezzi in negozio. Le ESL però offrono oggi anche dei nuovi servizi come, ad esempio, la geolocalizzazione dei prodotti.

Le prime versioni delle ESL

Il francese Groupe Casino è stato il primo a testare le etichette elettroniche (ESL) in un supermercato a Saint-Etienne nel 1987. Lo scopo era innanzitutto quello di sostituire la carta e rendere affidabile la visualizzazione dei prezzi negli scaffali, gestendo tutto dal computer. Le prime etichette elettroniche però non avevano rimosso tutte le operazioni manuali. Infatti, sul loro schermo, era indicato solamente il prezzo al chilo e quello unitario del prodotto ed, eventualmente, era menzione la promozione. I dipendenti dovevano ancora di fatto stampare e incollare l’etichetta del prodotto e il codice a barre nella parte inferiore dell’etichetta.

Il successo delle ESL

Queste etichette non ebbero un successo immediato a causa del loro prezzo molto elevato. Ma al di là dell’investimento, era ancora necessario convincere della loro importanza. Il mercato delle ESL ha accelerato nei primi anni 2000. In quel momento, SES-imagotag, precedentemente Store Electronic Systems, ha rifornito il suo primo negozio nel 1993, e nel 2000 ha raggiunto 1 milione di ESL vendute. Per Pricer, l’altro principale fornitore di ESL nel mondo, lancia il primo importante progetto con Carrefour nel 2002.

ESL lcd
ESL grafiche

Le ESL intelligenti

Le etichette stanno ora diventando sempre più intelligenti e presto l’aggiunta dei codici a barre manuali scomparirà. Gli schermi possono ospitare più caratteri man mano che si espandono. La tecnologia si sta diffondendo rapidamente perché ha un basso impatto ambientale. Essa inoltre si arricchisce di altre nuove tecnologie. Pricer, ad esempio, fa affidamento alla trilaterazione a infrarossi – tutte le etichette dei negozi sono bidirezionali e rispondono alla piattaforma di comunicazione del produttore con potenza del segnale diversa – mentre SES-imagotag passa attraverso la radiofrequenza.

Le nuove frontiere

Il ruolo delle etichette è andato ben oltre la semplice visualizzazione del prezzo. Le etichette elettroniche assolvono anche a nuovi servizi nei negozi. Ad esempio, presso Carrefour, con Pricer, i clienti possono geolocalizzare il prodotto di loro scelta attraverso la rete ESL. Altri ancora utilizzano le etichette per fornire ai clienti maggiori informazioni sui prodotti (allergeni, valori nutrizionali, etc.) grazie ad esempio alla tecnologia NFC.